William Wyler e John Sturges, Hollywood in guerra

A partirer dal 21 giugno 1943 Battipaglia viene bombardata dagli Alleati ma è solo l’inizio di un periodo durissimo perchè la città diventaun obiettivo come molte città italiani, l’obiettivo è indebolire il prestigio del regime perchè ancora non è stata individuata l’area come teatro dello sbarco

Con il 9 settembre la città uno dei principali obiettivi sia degli Alleati che dei Tedeschi e ciò ne determina la distruzione e dissemina lutti tra la popolazione.

787px-P-47D_Thunderbolt_01097628_058_USAFLa guerra è propaganda ela seconda guerra mondiale è di fatto il primo confitto in cui la si utilizza in maniera massiccia. Il documentario  Thunderbolt“, realizzato nel 1947, che ha due particolarità:  la prima riguarda i personaggi del mondo dello spettacolo coinvolti e la seconda che alcune scene sono state girate proprio durante i bombardamente su Battipaglia.

Il titolo deriva dal nome del bombardiere monoposto P-47 Thunderbolt e  il documentario celebra le gesta dei suoi piloti, di cui Battipaglia, come tante altre città, fu inerme e innocente vittima. Il regista  Vacanze Romane e Ben Hur,  William Wyler,  militare  fece piazzare cineprese sugli aerei (se ne vede il posizionamento proprio nel documentario) e ha utilizzzato alcune scene per montare Thunderbolt.  Wyler collaboro con un altro grande regista,  John Sturges (Il vecchio e il mare, Sfida all’OK Corral) e ottennero la partecipazione del celebre attore James Stewart.

Questa sua esperienza durante la guerra sui bombardieri (realizzò anche “Memphis Belle” sulle famose Fortezze Volanti e “the Fighting Lady“) lo ispirò per il film “I migliori anni della nostra vita” che gli valse l’Oscar.

Thunderbolt raccontà in realtà un periodo successivo, ovvero nel maggio 1944 la marcia di avvicinamento a Roma con gli aerei di base in Corsica ma come descritto su wikipedia contiene immagini dell’esperienza di Wyler nel salernitano nel 1943.

Post your comment

L'operazione Avalanche nella Nuvola: cultura e innovazione
Aeroporto di Montecorvino, oggi "Costa d'Amalfi"